viaggi

Notice to visitors from outside Italy: using google chrome browser as the site will be translated automatically. Thanks



Riscoprire la bellezza dello slow-turismo guidando uno scooter di piccolo taglio. Prendersi tutto il tempo che un viaggio merita perché è il viaggiatore che fa la differenza e non il mezzo.  
L'approccio al mondo delle due ruote è unico per ognuno di noi. C'è chi sceglie una moto da strada , chi da enduro , chi una custom, chi uno scooter , insomma ognuno arriva alla sua scelta a volte per caso, ma a volte perchè ci ha pensato su una vita. 
C'è chi invece viene scelto dal proprio mezzo e chi lo seleziona attentamente dalle riviste. Insomma questo mondo è tutto tranne che ovvietà è tutto tranne che logica. E' puro istinto. Bene, io ci sono arrivato per necessità , ho acquistato il mio Scarabeo 200 GT perchè mi serviva uno scooter ,che avesse le ruote alte e che somigliasse vagamente ad una moto grazie alle sue valige laterali. A dirla tutta la prima scelta fu un Piaggio Beverly 200. Non mi colpì molto e  presi in considerazione lo Scarabeo. Nel mio caso,  non si può dire che fu colpo di fulmine, tutt'altro,  dopo i primi periodi di odio e amore ci siam capiti , ci siam stimati e negli anni siamo diventati grandi amici. Adesso non riesco a pensare alla mia vita senza quell'ammasso di plastica e ferro.
Poco per volta ho cominciato a spingermi oltre i confini cittadini, prima una puntatina al mare , poi un w-e in campeggio , poi un'intera settimana e cosi via. Ho capito che porsi limiti solo perchè si possiede un mezzo non propriamente adatto ad un determinato scopo, significa privarsi di qualcosa. Significa non essere liberi in fin dei conti.   Mezzo da strada , da enduro, da città cosa sono se non confini nella nostra testa?  Capisco bene che farsi 700 km tutto di un fiato, oppure scalare passi alti 2800 m slm,  con uno scooter e per giunta piccolo possa sembrare una cosa da matti. Comprendo appunto, quello che la maggior parte della gente pensa, ma nel corso degli anni,  ho raggiunto una consapevolezza: se si vuol fare qualcosa , la maggior parte delle volte si riesce. Basta non mentire in primis a se stessi, ed essere determinati nella ricerca di ciò che si vuole davvero.